FADOI: “Grave che su idrossiclorochina i giudici si sostituiscano alla scienza”

660

COMUNICATO STAMPA

“Lascia davvero stupefatti la decisione del Consiglio di Stato che dà il via libera all’uso dell’Idrossiclorochina come terapia anti Covid 19”. 

È quanto afferma il presidente dei medici internisti della Fadoi, Dario Manfellotto, commentando la decisione del Consiglio di Stato che ha dato l’ok all’uso dell’Idrossiclorochina come terapia per Covid-19, purché sia prescritta da un medico, e comunque non a carico del Ssn.
“Devono essere le evidenze scientifiche con numerosi studi e linee guida – specifica – e quindi le istituzioni sanitarie, a indicare se un farmaco possa essere raccomandato o no in una terapia, come nel caso della Idrossiclorochina, valutando il profilo rischio-beneficio. Non voglio fare una valutazione clinica e di efficacia del farmaco, ma appare incredibile ed è molto grave che i giudici si sostituiscano alla scienza e decidano anche sulle terapie per il Covid, indicando ragioni strettamente giuridiche. Sono altri i criteri ai quali si deve fare riferimento”.

 

Quotidiano Sanità, 14 dicembre 2020

RASSEGNA STAMPA

Huffingtot Post