Calendario

Mar
28
gio
Congresso Regionale FADOI Campania 2019 @ Auditorium Ospedale "Buon Consiglio" FBF
Mar 28@8:45 am–Mar 29@6:30 pm

 

Il XVIII° Congresso Regionale della Fadoi Campania si terrà il 28 e il 29 marzo 2019 presso l’Auditorium dell’Ospedale Fatebenefratelli di Napoli.

Nel corso del Congresso le attività di formazione e di ricerca della FADOI saranno illustrate dal Presidente nazionale della Società.

Il titolo del Congresso è: “La Medicina Interna tra clinica e tecnologia”, volto a sottolineare l’importanza di entrambi questi aspetti nella nostra professione: la tecnologia migliora continuamente le nostra capacità diagnostiche e terapeutiche, mentre la clinica, ben lungi dall’essere superata, deve invece costituire la base di supporto a una tecnologia che non sia sganciata dal rapporto con il paziente reale. Da una buona integrazione di questi due aspetti, la Medicina Interna realizza il suo particolare approccio a pazienti complessi, fragili e pluripatologici.

Il Congresso si svolgerà nell’arco di due giorni completi, articolato in 4 sessioni. Sono previste 12 letture, dedicate a settori della farmacoterapia in particolare espansione, come il trattamento della BPCO con  associazione di farmaci per via inalatoria, la terapia anti-iperuricemia e  la terapia della cardiopatia ischemica; le novità sull’uso della terapia marziale, della terapia antidiabetica basal-bolus  e degli anticoagulanti orali diretti.

Vi sarà poi una serie di eventi, tra cui: 3 casi clinici con interazione telematica con la platea e visualizzazione informatica delle risposte alle domande sul caso, poste come quesiti a risposte multiple;  3 confronti con gli esperti su temi di attualità (La Ventilazione Meccanica Non Invasiva in Medicina Interna –  La Sclerosi Sistemica nei suoi vari aspetti –  la Ricognizione e Riconciliazione Farmacologica); 2 tavole rotonde (sulla Nutrizione in Medicina Interna, e sullo ‘Tsunami d’Argento’, cioè su problemi di pazienti in età avanzata);  la proiezione di 3 video (How can I do it?) su aspetti pratici, che dimostrano  come si realizzano l’accesso venoso centrale, l’agoaspirato eco guidato e la  compressione ultrasonografica venosa semplificata; infine due short report su problemi della medicina della migrazione e su nuove metodologie per il controllo del compenso glicemico nei diabetici. L’uditorio parteciperà comunque attivamente, e a più riprese, al confronto con gli esperti, alle tavole rotonde, alla discussione sui video e degli short report.

Tre ore saranno dedicate in sessione plenaria alle comunicazioni scientifiche, con possibilità per tutti i soci, in particolar modo per i più giovani, di produrre e discutere i risultati del proprio lavoro; uno spazio verrà allestito per l’area poster cui sarà dedicata un’ampia discussione, nell’evento finale del Congresso per garantire una numerosa e attenta partecipazione dei presenti.  Gli abstract delle comunicazioni e dei poster, che in occasione dei Congressi più recenti hanno superato il numero di 50, saranno pubblicati su un numero dedicato, ma indicizzato, della rivista societaria della FADOI, “Italian Journal of Medicine”.

In contemporanea con il Congresso FADOI, nella giornata del 28 marzo, si svolgerà il Congresso dell’associazione infermieristica regionale ANIMO Campania, per l’importanza che l’assistenza infermieristica ha nell’ambito di una buona assistenza medico-internistica.

Scarica il programma del congresso

 

Apr
5
ven
Up to date sulle malattie infettive in ambiente internistico: dalla diagnosi alla terapia @ Sala del Commendatore Complesso Monumentale - Ospedale Santo Spirito
Apr 5 giorno intero

Il corso ha lo scopo di sviluppare competenze specifiche riguardo agli aspetti clinici, diagnostici e terapeutici delle principali malattie infettive sulla base dei singoli organi colpiti, dei fattori di rischio, della microbiologia, dell’epidemiologia locale e degli aspetti di farmacocinetica e farmacodinamica, con particolare riguardo all’insorgenza di microrganismi multi-resistenti e di antimicrobialstewarship. Il corso ha come obiettivo quello di formare professionisti di ogni specialità che nei propri luoghi di lavoro sappiano rendere più appropriata la prescrizione degli antibiotici, sia in termini di efficacia che di tollerabilità, per la riduzione delle resistenze batteriche e la razionalizzazione delle risorse. Sulla base delle principali linee guida si cercherà di individuare il percorso attraverso cui il medico internista deve sospettare la presenza di infezione, iniziare o meno una terapia empirica adeguata secondo evidence-based medicine, modificarla sulla base dei risultati microbiologici ottenuti e proseguirla se necessario secondo la dose, la durata e la via di somministrazione corretta.

Scarica il programma dell’evento

COPERATION (COPE RAduno Tra InvestigatOri a Napoli) @ Palazzo "Alabardieri"
Apr 5@1:00 pm–Apr 6@1:15 pm

Il progetto COPERATION intende migliorare la conoscenza degli aspetti della gestione dell’Embolia Polmonare (EP) nell’ambito dei centri di Medicina Interna che partecipano allo studio COPE. Lo scopo di questo studio è quello di valutare le strategie di gestione dell’ EP in termini di diagnosi, stratificazione del rischio, ospedalizzazione e trattamento nei pazienti con embolia polmonare acuta ricoverati in Cardiologia, Pronto soccorso e Medicina Interna in Italia e valutare la loro associazione con la mortalità intraospedaliera e a 30 giorni e l’aderenza delle strategie di gestione della vita reale alle linee guida attuali della Società europea di cardiologia.

Il corso in oggetto si articola su otto argomenti principali: la descrizione e le finalità dello studio COPE, la necessità di una rivalutazione delle linee Guida, la stratificazione del rischio del TEV e il conseguente trattamento, le strategie di gestione, la durata del trattamento, il trattamento in pazienti complessi e fragili, la corretta gestione dei bassi dosaggi e la gestione delle emorragie.  Il tutto alternato a casi clinici fortemente interattivi.

Scarica il programma del corso

 

Apr
6
sab
Giornata Nazionale FADOI/ANIMO del Fine Vita 2019 – Lazio @ Sala del Commendatore Complesso Monumentale - Ospedale Santo Spirito
Apr 6 giorno intero

Il 6 aprile 2019 si celebrerà la Seconda Giornata FADOI-ANIMO del Fine Vita, con lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali.

La fase della terminalità rappresenta in genere l’ultimo tratto del decorso di patologie croniche ad andamento ingravescente, invalidante e largamente prevedibile. Dovendo convivere a lungo con queste malattia, i pazienti debbono esser messi nelle condizioni di poter scegliere, consapevolmente, i percorsi diagnostico-terapeutici che offrono le maggiori possibilità di realizzare il loro progetto di vita. Ai medici vengono oggi richieste competenze nuove nell’ambito della comunicazione (per fornire un’informazione adeguata, per elaborare un percorso assistenziale condiviso, per raccogliere ed attuare le disposizioni anticipate di trattamento), ma anche nella somministrazione tempestiva ed adeguata dei trattamenti palliativi. Peraltro le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite.

Come fu lo scorso anno, nella “Giornata FADOI-ANIMO del Fine Vita”, ci porterà ad organizzare, il 6 aprile 2019, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Claudio Santini

Presidente FADOI Lazio

Scarica il programma del congresso

Giornata Nazionale FADOI/ANIMO del Fine Vita 2019 – Sicilia @ Iemest
Apr 6 giorno intero

Il 6 aprile 2019 si celebrerà la Seconda Giornata FADOI-ANIMO del Fine Vita, con lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali.

La fase della terminalità rappresenta in genere l’ultimo tratto del decorso di patologie croniche ad andamento ingravescente, invalidante e largamente prevedibile. Dovendo convivere a lungo con queste malattia, i pazienti debbono esser messi nelle condizioni di poter scegliere, consapevolmente, i percorsi diagnostico-terapeutici che offrono le maggiori possibilità di realizzare il loro progetto di vita. Ai medici vengono oggi richieste competenze nuove nell’ambito della comunicazione (per fornire un’informazione adeguata, per elaborare un percorso assistenziale condiviso, per raccogliere ed attuare le disposizioni anticipate di trattamento), ma anche nella somministrazione tempestiva ed adeguata dei trattamenti palliativi. Peraltro le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite.

Come fu lo scorso anno, nella “Giornata FADOI-ANIMO del Fine Vita”, ci porterà ad organizzare, il 6 aprile 2019, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Claudio Santini

Presidente FADOI Lazio

Scarica il programma del congresso

Giornata Nazionale FADOI/ANIMO del Fine Vita 2019 – Campania @ Auditorium Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli
Apr 6 giorno intero

Il 6 aprile 2019 si celebrerà la Seconda Giornata FADOI-ANIMO del Fine Vita, con lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali.

La fase della terminalità rappresenta in genere l’ultimo tratto del decorso di patologie croniche ad andamento ingravescente, invalidante e largamente prevedibile. Dovendo convivere a lungo con queste malattia, i pazienti debbono esser messi nelle condizioni di poter scegliere, consapevolmente, i percorsi diagnostico-terapeutici che offrono le maggiori possibilità di realizzare il loro progetto di vita. Ai medici vengono oggi richieste competenze nuove nell’ambito della comunicazione (per fornire un’informazione adeguata, per elaborare un percorso assistenziale condiviso, per raccogliere ed attuare le disposizioni anticipate di trattamento), ma anche nella somministrazione tempestiva ed adeguata dei trattamenti palliativi. Peraltro le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite.

Come fu lo scorso anno, nella “Giornata FADOI-ANIMO del Fine Vita”, ci porterà ad organizzare, il 6 aprile 2019, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Claudio Santini

Presidente FADOI Lazio

Scarica il programma dell’evento

Giornata Nazionale FADOI/ANIMO del Fine Vita 2019 – Emilia Romagna @ Aula Magna Palazzo Regione Emilia Romagna - Piano Terra
Apr 6 giorno intero

Il 6 aprile 2019 si celebrerà la Seconda Giornata FADOI-ANIMO del Fine Vita, con lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali.

La fase della terminalità rappresenta in genere l’ultimo tratto del decorso di patologie croniche ad andamento ingravescente, invalidante e largamente prevedibile. Dovendo convivere a lungo con queste malattia, i pazienti debbono esser messi nelle condizioni di poter scegliere, consapevolmente, i percorsi diagnostico-terapeutici che offrono le maggiori possibilità di realizzare il loro progetto di vita. Ai medici vengono oggi richieste competenze nuove nell’ambito della comunicazione (per fornire un’informazione adeguata, per elaborare un percorso assistenziale condiviso, per raccogliere ed attuare le disposizioni anticipate di trattamento), ma anche nella somministrazione tempestiva ed adeguata dei trattamenti palliativi. Peraltro le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite.

Come fu lo scorso anno, nella “Giornata FADOI-ANIMO del Fine Vita”, ci porterà ad organizzare, il 6 aprile 2019, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Claudio Santini

Presidente FADOI Lazio

 

Scarica il programma dell’evento

Giornata Nazionale FADOI/ANIMO del Fine Vita 2019 – Friuli Venezia Giulia @ Auditorium San Marco
Apr 6 giorno intero

Il 6 aprile 2019 si celebrerà la Seconda Giornata FADOI-ANIMO del Fine Vita, con lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali.

La fase della terminalità rappresenta in genere l’ultimo tratto del decorso di patologie croniche ad andamento ingravescente, invalidante e largamente prevedibile. Dovendo convivere a lungo con queste malattia, i pazienti debbono esser messi nelle condizioni di poter scegliere, consapevolmente, i percorsi diagnostico-terapeutici che offrono le maggiori possibilità di realizzare il loro progetto di vita. Ai medici vengono oggi richieste competenze nuove nell’ambito della comunicazione (per fornire un’informazione adeguata, per elaborare un percorso assistenziale condiviso, per raccogliere ed attuare le disposizioni anticipate di trattamento), ma anche nella somministrazione tempestiva ed adeguata dei trattamenti palliativi. Peraltro le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite.

Come fu lo scorso anno, nella “Giornata FADOI-ANIMO del Fine Vita”, ci porterà ad organizzare, il 6 aprile 2019, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Claudio Santini

Presidente FADOI Lazio

Scarica il programma dell’evento

 

Giornata Nazionale FADOI/ANIMO del Fine Vita 2019 – Lombardia @ Palazzo Fondazione STELLINE
Apr 6 giorno intero

Il 6 aprile 2019 si celebrerà la Seconda Giornata FADOI-ANIMO del Fine Vita, con lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali.

La fase della terminalità rappresenta in genere l’ultimo tratto del decorso di patologie croniche ad andamento ingravescente, invalidante e largamente prevedibile. Dovendo convivere a lungo con queste malattia, i pazienti debbono esser messi nelle condizioni di poter scegliere, consapevolmente, i percorsi diagnostico-terapeutici che offrono le maggiori possibilità di realizzare il loro progetto di vita. Ai medici vengono oggi richieste competenze nuove nell’ambito della comunicazione (per fornire un’informazione adeguata, per elaborare un percorso assistenziale condiviso, per raccogliere ed attuare le disposizioni anticipate di trattamento), ma anche nella somministrazione tempestiva ed adeguata dei trattamenti palliativi. Peraltro le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite.

Come fu lo scorso anno, nella “Giornata FADOI-ANIMO del Fine Vita”, ci porterà ad organizzare, il 6 aprile 2019, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Claudio Santini

Presidente FADOI Lazio

Scarica il programma dell’evento

Giornata Nazionale FADOI/ANIMO del Fine Vita 2019 – Piemonte e Valle d’Aosta @ Hotel NH Torino Centro
Apr 6 giorno intero

Il 6 aprile 2019 si celebrerà la Seconda Giornata FADOI-ANIMO del Fine Vita, con lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali.

La fase della terminalità rappresenta in genere l’ultimo tratto del decorso di patologie croniche ad andamento ingravescente, invalidante e largamente prevedibile. Dovendo convivere a lungo con queste malattia, i pazienti debbono esser messi nelle condizioni di poter scegliere, consapevolmente, i percorsi diagnostico-terapeutici che offrono le maggiori possibilità di realizzare il loro progetto di vita. Ai medici vengono oggi richieste competenze nuove nell’ambito della comunicazione (per fornire un’informazione adeguata, per elaborare un percorso assistenziale condiviso, per raccogliere ed attuare le disposizioni anticipate di trattamento), ma anche nella somministrazione tempestiva ed adeguata dei trattamenti palliativi. Peraltro le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale traterritorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite.

Come fu lo scorso anno, nella “Giornata FADOI-ANIMO del Fine Vita”, ci porterà ad organizzare, il 6 aprile 2019, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Claudio Santini

Presidente FADOI Lazio

Scarica il programma del congresso