Calendario

Giu
18
mar
Corso di Alta Formazione in “Gestione del rischio clinico e miglioramento continuo della qualità e sicurezza delle cure” – IX edizione @ Scuola Superiore "Sant'Anna"
Giu 18 2019@8:00 am–Feb 28 2020@5:00 pm

Sono aperte le iscrizioni per l’ammissione alla IX edizione del Corso di Alta Formazione in gestione del Rischio Clinico e miglioramento continuo della Qualità e Sicurezza delle cure” presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

Scadenza 5 maggio 2019

Posti disponibili 30

Inizio corso 18 giugno 2019

Fine corso 28 febbraio 2020

Ore di formazione 145 articolate in 7 moduli, più 25 ore di formazione individuale.

 

Set
16
lun
Scuola FADOI-SISM di alta formazione sul ragionamento clinico in era digitale @ Collegio San Tommaso
Set 16@9:30 am–Set 20@4:30 pm

Iscrizioni

La Scuola è a numero chiuso accreditata per n. 30 medici chirurghi. L’iscrizione al Corso può essere effettuata online all’indirizzo www.planning.it/eventi. aspx,

selezionando poi l’anno 2019 e l’evento inserito tra quelli in programma nel mese di settembre.

Quote d’iscrizione

SOCI FADOI in regola con la quota 2019

€ 1.000,00 (IVA 22% inclusa)

NON SOCI FADOI € 1.500,00 (IVA 22% inclusa)

Modalità di pagamento

Il pagamento va effettuato su IBAN: IT 15 M 02008 02458 000002886708 indicando: nome cognome – Scuola FADOI alta formazione.

L’ iscrizione verrà considerata valida e perfezionata solo con la ricezione del bonifico di iscrizione.

La quota di iscrizione comprende: il corso, coffee break e lunch, pernotto e materiale didattico. Il viaggio è a cura del discente.

Iscrizione Associazione FADOI

È possibile effettuare l’iscrizione o il rinnovo alla Associazione collegandosi al sito www.fadoi.org nella sezione SOCI, Iscriviti o Rinnova.

Under 40 € 50,00

Over 40 € 80,00

Scarica il programma del corso

Scuola di Alta Formazione sul Ragionamento Clinico in era digitale @ Collegio San Tommaso
Set 16@10:00 am–4:30 pm

Il metodo clinico va attualizzato ma non dobbiamo crearlo dal nulla ma al contrario dobbiamo partire da quello che il passato ci ha regalato. Tuttavia, anche se gli antichi maestri ci hanno insegnato molto, il progresso tecnologico ha allontanato molti medici da principi irrinunciabili del metodo stesso: il paziente è la principale fonte delle informazioni necessarie al ragionamento e quindi alle decisioni conseguenti; per questo la raccolta delle informazioni deve iniziare dal colloquio e completarsi con l’esame fisico. Le nuove tecnologie devono rappresentare un potenziamento del metodo clinico che deve comunque basarsi sul ragionamento per la gestione della sempre maggiore complessità.

Questa scuola di alta formazione si propone di rivisitare il metodo clinico arricchendolo di tutti quegli elementi etici, epistemologici, metodologici e tecnologici che possono fare diventare l’internista, e in generale il medico, consapevole di tutti quegli strumenti cognitivi, pratici e tecnologici facilmente accessibili e necessari per realizzare nei fatti una pratica clinica eccellente.

Scarica il programma dell’evento

Set
20
ven
In Motion: le nuove sfide nella gestione dello Scompenso Cardiaco in Medicina Interna – Milano @ Starhotels E.c.h.o
Set 20 giorno intero

Il Convegno, promosso da Fondazione FADOI, ha l’obiettivo di analizzare, nella prospettiva del paziente poli-patologico e poli-trattato tipico dei reparti di Medicina Interna, le più attuali indicazioni e prospettive da un punto di vista diagnostico e terapeutico (farmacologico e non), con focus sul paziente con concomitante alterazione della funzione renale, metabolica e del controllo pressorio. Particolare attenzione verrà altresì rivolta agli aspetti relativi alla qualità di vita di questi pazienti e al contesto organizzativo e normativo che può condizionare l’utilizzo dei presidi terapeutici disponibili.

Scarica il programma del convegno

Set
25
mer
Attuali orientamenti nella Terapia Antidiabetica
Set 25@3:00 pm–5:00 pm

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (B.P.C.O.) e una sindrome che si sviluppa negli adulti fumatori fino a raggiungere prevalenze nell’ordine del 20% negli anziani di età superiore a 70 anni. E’ è caratterizzata da sintomi respiratori cronici e ostruzione bronchiale non reversibile, evolutiva, associata a un’abnorme risposta infiammatoria polmonare all’inalazione di fumo e/o altre particelle e gas nocivi professionali o ambientali. Il fumo di sigaretta costituisce il principale fattore di rischio per l’insorgenza della B.P.C.O., che rappresenta la più frequente malattia polmonare cronica a evoluzione invalidante nell’adulto.

A livello mondiale, la B.P.C.O. è responsabile di 4 morti al minuto e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) prevede che sarà la terza causa di morte entro il 2030, seconda solo a malattie cardiovascolari e tumori.

Il corso si prefigge di fornire elementi aggiornati riguardo ai meccanismi d’azione dei farmaci utilizzati per la cura della B.P.C.O. alla luce delle più recenti conoscenze riguardo alla patogenesi della malattia. In particolare in questi Webinar verranno analizzati l’effetto dei vari trattamenti e sarà discussa la gestione delle varie opzioni terapeutiche rispetto alle comorbilità correlate alla B.P.C.O., focalizzando l’attenzione sul possibile utilizzo sequenziale delle terapie e su quali terapie impostare per la prevenzione delle riacutizzazioni da B.P.C.O. Particolare attenzione verrà data alle nuove terapie per la B.P.C.O., quali la triplice terapia chiusa.

Il programma del Corso è strutturato per puntualizzare, discutere e dibattere, tematiche che il Medico di Medicina Interna affronta quotidianamente, verranno condivisi gli strumenti più efficaci per la diagnosi e terapia della B.P.C.O. e delle Comorbilità ad essa correlate, ricordando le istruzioni più utili da fornire al paziente per prevenire le riacutizzazioni.

Ampio spazio sarà dedicato alla discussione interattiva tra relatori e giovani medici di Medicina Interna in modo tale che possa essere focalizzata la gestione ottimale del paziente con B.P.C.O. all’interno del reparto di Medicina Interna.

 

Moderatori: Dario MANFELLOTTO – Carmen STABILE – Alessandra DI PERNA
Ore 15:00 Obiettivi e presentazione Webinar : Alessandra DI PERNA
Ore 15:15 Come trattare la malattia diabetica nel paziente con B.P.C.O.: Ombretta PARA
Ore 15:45 L’utilità dell’ICS nel paziente diabetico con riacutizzazione di B.P.C.O.: Valentina DELLA CHIARA
Ore 16:30 Discussione e chiusura : (moderatori)

 

Set
27
ven
FADOI Giovani – “Tutto in una notte” @ NH Parma
Set 27 giorno intero

Il convegno “Tutto in una notte” rappresenta il meeting annuale dei giovani FADOI Emilia-Romagna.

E’ un’esperienza nata nel 2010 con il primo convegno svoltosi a Sassuolo e negli anni è divenuta un tradizionale appuntamento per trattare i temi più comuni al medico ospedaliero, che durante i turni di guardia si trova a fronteggiare il paziente critico, complesso ed affetto da problemi clinici di varia natura.

Il convegno tratterà argomenti utili all’acquisizione delle competenze scientifiche per la gestione dei quadri cronici di ambito internistico e plurispecialistico, per l’urgenza e la fase di follow up.

Scarica il programma del convegno

In Motion: le nuove sfide nella gestione dello Scompenso Cardiaco in Medicina Interna – Cagliari @ Caesar’s Hotel
Set 27 giorno intero

Il Convegno, promosso da Fondazione FADOI, ha l’obiettivo di analizzare, nella prospettiva del paziente poli-patologico e poli-trattato tipico dei reparti di Medicina Interna, le più attuali indicazioni e prospettive da un punto di vista diagnostico e terapeutico (farmacologico e non), con focus sul paziente con concomitante alterazione della funzione renale, metabolica e del controllo pressorio. Particolare attenzione verrà altresì rivolta agli aspetti relativi alla qualità di vita di questi pazienti e al contesto organizzativo e normativo che può condizionare l’utilizzo dei presidi terapeutici disponibili.

Scarica il programma del convegno

In Motion: le nuove sfide nella gestione dello Scompenso Cardiaco in Medicina Interna – Firenze @ Starhotels Michelangelo
Set 27 giorno intero

Il Convegno, promosso da Fondazione FADOI, ha l’obiettivo di analizzare, nella prospettiva del paziente poli-patologico e poli-trattato tipico dei reparti di Medicina Interna, le più attuali indicazioni e prospettive da un punto di vista diagnostico e terapeutico (farmacologico e non), con focus sul paziente con concomitante alterazione della funzione renale, metabolica e del controllo pressorio. Particolare attenzione verrà altresì rivolta agli aspetti relativi alla qualità di vita di questi pazienti e al contesto organizzativo e normativo che può condizionare l’utilizzo dei presidi terapeutici disponibili.

Scarica il programma del convegno

Set
28
sab
Scuola di ecografia FADOI – IX° corso di formazione di base @ UNAWAY HOTEL BOLOGNA SAN LAZZARO
Set 28@10:00 am–Set 30@5:30 pm
Ott
2
mer
Primo corso avanzato teorico-pratico di management del paziente con scompenso cardiaco in Medicina Interna ed in Medicina Generale
Ott 2@2:20 pm–Dic 16@7:00 pm

Lo scompenso cardiaco, prima condizione in ordine di prevalenza nelle U.O. di Medicina Interna, la cui incidenza è in continuo aumento, determina un elevato consumo di risorse, e frequenti re-ricoveri ospedalieri a breve ed a lungo termine, ponendo sfide enormi in tutto il mondo occidentale nella sua gestione integrata ospedale-territorio. Il 75% di DRG “scompenso cardiaco” è difatti a carico delle Medicine Interne, mentre solo il 25% è a carico delle U.O. di Cardiologia (con pazienti mediamente più giovani o con meno comorbidità).
Oltre all’internista altri specialisti possono essere chiamati a gestire il paziente nei diversi setting assistenziali (Pronto Soccorso, Medicina d’Urgenza, Pneumologi, Geriatri, ecc.), sino al Territorio ed al medico di Medicina Generale.
La gestione multidisciplinare/multiprofessionale del paziente con scompenso cardiaco (dalla fase acuta al follow-up e terapia ottimizzata) e delle sue comorbidità è inoltre fondamentale per ridurre le riospedalizzazioni (anche a breve termine) e la mortalità: tuttavia nella real-life ciò non sempre accade.
Come dimostrato da numerosi studi, il rischio di riacutizzazione è massimo nelle prime due settimane dalla dimissione. Inoltre, è di fondamentale importanza distinguere lo scompenso a frazione di eiezione preservata da quello a frazione depressa e a frazione di eiezione “intermedia”: in base alle ultime linee guida della Società Europea di Cardiologia (2016), numerose sono le nuove raccomandazioni, ma altrettanto importanti sono le raccomandazioni già note e per questo necessitanti d’implementazione (indicazioni all’uso e titolazione dei farmaci, ricerca e correzione delle comorbidità, follow-up a breve termine).
Anche a tale scopo, si rende ormai necessario da parte degli internisti la capacità di saper riconoscere in prima persona la disfunzione ventricolare sinistra mediante l’ecografia cardiaca focalizzata “bedside”/POCUS.
Altrettanto determinante risulta essere la “presa in carico” del paziente sul territorio in ambulatori dedicati, di concerto con il Medico di Medicina Generale.
Pertanto la “messa a punto” su questa sindrome clinica complessa alla luce delle nuove evidenze e delle tecnologie disponibili appare imprescindibile (diagnosi e terapia, con particolare riguardo al “saper fare”) per tutti gli attori in gioco, compresi i medici di Medicina Generale, che rimangono i principali gestori della cronicità quotidiana e della complessità, caratteristiche in comune queste con l’internista.
Verrà infine posto risalto alla problematica del paziente con scompenso cardiaco acuto affetto da problematiche acute concomitanti, come ad esempio la sepsi e lo shock settico.

Dott. Francesco Pellegrini
Dott. Nicola Tarquinio

Scarica la brochure del corso
Scarica la locandina del corso