Calendario

Set
21
ven
La gestione del Paziente Diabetico Ospedalizzato 3.0
Set 21@9:45 am–Dic 6@5:45 pm

La gestione dell’iperglicemia in ospedale rappresenta un problema di governo clinico di alto rilievo e di elevatissima frequenza.

La terapia del diabete ha subito nell’ultimo decennio una straordinaria evoluzione, che è tuttora in corso. È indispensabile, quindi, un up grade sulle conoscenze del personale medico in questo ambito. Questi pazienti in Ospedale sono gestiti abitualmente dall’Internista ospedaliero con l’attiva partecipazione del personale infermieristico. Il Farmacista, inoltre, è l’altra figura di rilievo per la disponibilità e la gestione del sempre più innovativo e complesso armamentario terapeutico oggi disponibile per la terapia del paziente diabetico in ospedale e sul territorio.

Il Progetto Formativo FADOI Diabete 2018 si propone come ideale prosecuzione del progetto Clear e Capillary Clear, che ha fornito a medici e infermieri delle medicine interne del territorio nazionale una formazione di base sulla gestione del paziente diabetico in ospedale, ed è finalizzato a incrementare la diffusione e l’applicazione dei corretti percorsi diagnostico terapeutici del paziente iperglicemico.

Scopo di questo percorso formativo è quello di migliorare le capacità terapeutiche e gestionali di questo importante problema sanitario e sociale.

Di seguito, le date e i luoghi dove si svolgerà il corso:

– Roma, 16 settembre e 21 novembre 2018;
– Napoli, 21 settembre e 23 novembre 2018;
– Milano, 19 ottobre e 23 novembre 2018;
– Firenze, 28 settembre e 6 dicembre 2018.

Scarica i programmi del corso

Nov
15
gio
Congresso Regionale FADOI Calabria 2018 @ E' Hotel
Nov 15@9:00 am–Nov 17@6:40 pm

Il medico internista ospedaliero in Calabria svolge un ruolo sicuramente di primo piano assoluto nell’ambito della presa in carico dei pazienti anziani, cronici e fragili. Attraverso la costruzione di percorsi diagnostico-terapeutico-assistenziali, integrati il più possibile con il territorio, è possibile migliorare le performance professionale e migliorare la qualità della prestazione erogata nell’ottica di un maggiore e più completo soddisfacimento dei bisogni dei paziente complessi.

Il Congresso Regionale F.A.D.O.I. Calabria 2018 è preceduto quest’anno da 3 corsi pratici monotematici: il primo è sulle lesioni cutanee croniche, il secondo su l’eletrocardiografia e infine il terzo sull’emogasanalisi. Tutti argomenti di grande interesse per la medicina pratica, soprattutto per offrire uno spunto di confronto con esperti della materia.

Gli internisti sono continuamente sollecitati dall’introduzione nell’armadio farmaceutico di nuovi farmaci in ambito respiratorio, antibiotico, nella cura dello scompenso cardiaco e del diabete mellito, nell’anticoagulazione, delle malattie reumatiche e in quelle epatologiche, che quindi rappresentano un una sfida per il medico che deve trattare al meglio il malato ma deve anche attenersi scrupolosamente a quelle che sono le risorse economiche sempre più difficili da reperire, in special modo in una Regione come la nostra, in Piano di Rientro.

In tale ambito la ricerca volta alla  migliore appropriatezza terapeutica si combina con la possibilità di utilizzare farmaci meno onerosi ma parimenti tollerati ed efficaci. Anche qui il confronto tra esperti delle diverse professioni sanitarie potrà portare un importante contributo per la corretta allocazione ed utilizzo delle risorse disponibili, soprattutto in ambito ospedaliero, ambito nel quale maggiormente è stridente in rapporto tra prestazioni e relativi costi.

Scarica il programma del congresso

Nov
16
ven
V° Congresso FADOI del Triveneto @ Hotel In Sylvis
Nov 16 giorno intero

L’incontro FADOI TRIVENETO che si svolgerà nella cornice di Sesto al Reghena (PN), sede di una antica abbazia benedettina, vede quest’anno il Friuli Venezia Giulia quale regione ospitante i Colleghi Internisti della Regione Veneto e delle Provincie Autonome di Trento e Bolzano. Come ormai è consuetudine i Medici FADOI impegnati in questa giornata si alterneranno ai colleghi Infermieri Animo nelle sessioni congiunte.

Solo una delle 4 sessioni programmate nella giornata sarà dedicata a lavori in parallelo delle due società.

I temi trattati sono tra loro legati dal sottile filo delle “novità terapeutico-diagnostiche” e del confronto di realtà anche se limitrofe, molto diverse per storia, orografia, scelte politiche differenti avvenute nell’ultimo decennio di decentramento della Sanità.

La prima sessione avrà carattere clinico gestionale dove verrà messo l’accento sulla continuità Ospedale – Territorio partendo dal dato clinico per passare all’ informazione veicolata da medico ed infermiere arrivando infine ad uno strumento rivoluzionario: “la telemedicina”. Nella seconda parte si darà voce alle nuove prospettive terapeutiche in alcune patologie ad elevata incidenza quali il Diabete Mellito, l’Asma e la BPCO.

Nel pomeriggio dopo il lunch, si riprenderanno i lavori in sale diverse FADOI – ANIMO. Di cui il programma FADOI punterà sempre sulle nuove prospettive terapeutiche ma questa volta in situazioni varie anche di nicchia, quali ad esempio la mastocitosi sistemica avanzata. Tratteremo poi di problemi che insorgono con pazienti sottoposti ad anticoagulazione con i nuovi farmaci diretti, problemi legati alla corretta interpretazione dei dati di laboratorio o all’uso di antidoti in occasioni urgenti diverse. Tratteremo poi la problematica dei biosimilari il loro uso alla luce degli studi eseguiti con gli “originators”.  Verranno trattati 3 casi clinici portati dai giovani FADOI di ciascuna regione ed a conclusione della sessione FADOI disgiunta si darà rilievo all’ iperuricemia la quale oltre a preoccupare deve essere trattata: come quando e perché.

Infine, l’ultima sessione verterà sulla costruzione dei PDTA in generale e sul confronto inter regionale su 2 specifici PDTA : quello sull’Ictus e quello sullo Scompenso Cardiaco.

La giornata si concluderà con l’esecuzione individuale dei tests per gli ECM.

Scarica il programma del congresso

XV° Congresso Regionale FADOI – ANIMO Abruzzo @ Hotel Don Juan
Nov 16@2:00 pm–Nov 17@1:00 pm

La medicina interna, oggi più di ieri, si propone come la disciplina fondamentale per l’assistenza e la cura del paziente polipatologico, complesso, anziano, riaffermando la necessità di “curare” il malato avendo una sua visione d’insieme, olistica. Avendo presenti questi aspetti il congresso regionale degli internisti ospedalieri abruzzesi si propone di discutere temi quotidianamente presenti nelle corsie ospedaliere, facendo il punto sia su temi clinici molto attuali per le novità terapeutiche presenti, come il tromboembolismo venoso e lo scompenso cardiaco, sia su altri meno discussi nei convegni ma di attualità clinica. Infine sono affrontati temi clinici apparentemente di competenza specialistica, come il delirium o il dolore, ma che in realtà sono di riscontro internistico comune.

Scarica il programma del congresso

Nov
17
sab
Insieme contro il dolore: dalla speranza alla cura @ Istituto di Cura "S. Margherita"
Nov 17 giorno intero

Si stima che in Italia la prevalenza del dolore cronico sia superiore al 25% della popolazione: oltre 15 milioni di persone soffrono di dolore cronico. Nonostante la gestione del dolore sia nettamente migliorata, esso è ancora sottovalutato, sottodiagnosticato e sottotrattato con pesanti ripercussioni sulla qualità di vita dei pazienti che ne sono affetti. In obbedienza ai dettami della legge 38/2010 e della recentissima legge 219/2017 sul biotestamento, FADOI prosegue il percorso formativo in tema di terapia del dolore, offrendo ai propri iscritti un ulteriore approfondimento sul management farmacologico e non-farmacologico della malattia dolore. Obiettivo di questo convegno è quello di fornire un quadro esaustivo della terapia antalgica del dolore cronico, focalizzando l’attenzione sulle recenti innovazioni terapeutiche con un’attenzione particolare verso la terapia analgesica nel paziente anziano, non dimenticando le peculiarità dell’algologia di genere, le opportunità della medicina complementare, le potenzialità del potere di cura della mente umana (lettura magistrale sull’effetto placebo) e i rischi di addiction nella terapia con oppiacei. Il convegno dunque vuole essere occasione di incontro multidisciplinare, invitando gli specialisti che più frequentemente curano il dolore nei vari setting di cura: ortopedici, fisiatri, algologi, reumatologi, oncologi, medici di medicina generale, internisti. Chiudono la giornata formativa i contributi di medici che trattano il dolore senza l’impiego di farmaci, presentando le tecniche invasive, la terapia fisica, l’agopuntura e le medicine complementari, l’ozonoterapia e la neurostimolazione.

Scarica il programma del congresso

Nov
22
gio
Congresso Giovani FADOI Veneto – Casi Clinici IV Edizione @ Ospedale dell'Angelo
Nov 22 giorno intero

I giovani medici FADOI  presentano i casi clinici più suggestivi incontrati durante il lavoro di reparto nel corso del 2018.

L’età del paziente varia dai 50 agli 80 anni, entrambi i sessi sono trattati con uguale frequenza.

La storia clinica è quella abituale e prevede la raccolta dell’anamnesi familiare, di quella fisiologica, dell’anamnesi remota e recente.

Come per gli altri anni saranno trattati argomenti di abituale riscontro nei reparti di Medicina come: malattie cardiovascolari, malattie endocrine, malattie autoimmuni, malattie infettive… Molto spesso un caso clinico prevede la presenza di diverse comorbidità.

Per ogni caso clinico saranno trattate le indagini diagnostiche più significative fino alla descrizione dei reperti di anatomia patologica.

Per quanto riguarda la terapia sarà fatto cenno sulle strategie terapeutiche usate e su quelle consigliate dalla più recenti linee guida.

Il caso si conclude con un esito, positivo o negativo,  che non ha tanto lo scopo di esaltare la terapia effettuata quanto l’iter diagnostico e assistenziale adoperato nel corso del ricovero.

Durante la discussione interverranno sia gli spettatori che il discussant in modo che sia puntualizzata l’importanza degli interventi effettuati durante il ricovero.

Ai discenti rimarrà il ricordo di un percorso ben impostato e la condivisione delle difficoltà che si possono quotidianamente incontrare in corsia.

Scarica il programma dell’evento

XV° Congresso Regionale FADOI Lazio – L’internista sul percorso delle malattie @ Sheraton Parco dei Medici Roma Hotel
Nov 22@1:30 pm–Nov 24@2:00 pm

L’annuale Congresso Regionale FADOI Lazio, giunto alla XV edizione, rappresenta il più importante momento di incontro e confronto fra i soci.  Oltre allo svolgimento di importanti attività societarie, il Congresso è occasione di aggiornamento sulle principali problematiche cliniche e gestionali affrontate nei reparti di Medicina Interna. Quest’anno verrà affrontato il tema delle patologie croniche e di come esse, con la loro progressione,  vadano ad interferire con i progetti di vita del paziente. Da questo punto di vista, curare il paziente oggi  significa anche metterlo nelle condizioni di vivere nel modo più possibile vicino ai suoi desideri.

La prima giornata del XV Congresso Regionale FADOI Lazio si aprirà con una lettura magistrale sull’importanza della diagnosi etiologica; alle soglie di un’epoca che sarà caratterizzata da diagnosi basate sulle determinazioni genomiche e da trattamenti etiologici specifici, riesamineremo i benefici che la diagnosi etiologica e la terapia specifica hanno portato nell’ambito delle Malattie Infettive.

Nel primo simposio si tratterà dello scompenso cardiaco avanzato, quello cioè che risponde poco ai trattamenti ordinari e si associa a una prognosi peggiore. Si terranno relazioni volte a definire la diagnosi, a valutare nuove potenzialità terapeutiche e a determinare i limiti oltre i quali è opportuno desistere da trattamenti sproporzionati ed affidarsi alle terapie palliative.

Verrà poi presentato un caso clinico che offrirà l’occasione per discutere sulle modalità di stadiazione del tumore della mammella, con i vantaggi ed i limiti che ne derivano. Si affronteranno i temi del trattamento chirurgico del versamento pleurico neoplastico, della terapia farmacologica del dolore e del trattamento palliativo delle metastasi epatiche.

La giornata si concluderà con un simposio su tre malattie croniche accumunate dalla tendenza ad evolvere verso l’insufficienza respiratoria: la sclerosi sistemica, l’ipertensione polmonare e la BPCO. Scopo del simposio è quello di valutare quali interventi terapeutici siano realmente in grado di modificare il loro decorso, definendo le competenze dell’internista e degli specialisti d’organo.

La seconda giornata del XV Congresso Regionale FADOI Lazio si aprirà con tre letture affidate ad esperti: nella prima parleremo della rilevanza epidemiologica dell’infezione da Herpes Zoster nell’anziano, delle forme cliniche associate e delle novità in tema di trattamento e prevenzione; nella seconda ci occuperemo delle gammopatie monoclonali, così frequenti negli anziani, ma spesso non rilevanti clinicamente, per suggerire un approccio clinico corretto e proporzionato; la terza relazione affronterà il tema delle cardiomiopatie secondarie, che sebbene abbiano un rilevante impatto prognostico, sono spesso sottodiagnosticate.

Il simposio successivo sarà dedicato al corretto utilizzo del laboratorio di analisi, ed in particolare dei marcatori di flogosi, tumorali e miocardici.

Si terrà poi una lettura magistrale sulla difficile convivenza del paziente con le patologie croniche.

Nel pomeriggio un simposio multidisciplinare affronterà la tematica della diagnosi clinica e strumentale di polmonite nel paziente internistico, riesaminando utilità e limiti della radiologia tradizionale e valutando il contributo diagnostico, sempre maggiore, dell’ecografia toracica.

La giornata si chiuderà con un caso clinico che consentirà di discutere il percorso evolutivo della cirrosi epatica fino all’insufficienza funzionale e alle valutazioni per il trapianto di fegato.

La terza giornata del XV Congresso Regionale FADOI Lazio si aprirà con l’Edicola delle Aree di Studio, una esposizione delle attività dei diversi gruppi di studio FADOI Lazio. In particolare, verranno divulgati i risultati  di un’indagine (“Un Giorno in Medicina”) svolta dalla nostra associazione sull’organizzazione delle U.O.C. di Medicina della regione.

Seguirà un simposio dedicato alle insidie diagnostiche: verranno presentati casi clinici apparentemente semplici, che tuttavia sottendono patologie più rare, ma anche più rilevanti clinicamente.

Nel successivo simposio un gruppo di giovani internisti porrà ad un panel di esperti quesiti specifici su come affrontare problemi pratici inerenti la terapia anticoagulante nell’ambito di pazienti complessi.

Si terrà quindi una lettura magistrale sul tema dell’invecchiamento renale e poi una tavola rotonda su come garantire la continuità assistenziale nei pazienti con cronicità.

Scarica il programma del congresso

Nov
23
ven
Problematiche infettivologiche emergenti in Medicina Interna e guida all’uso razionale della terapia antimicrobica @ Conference Florentia Hotel
Nov 23 giorno intero

Negli ultimi anni si è assistito ad un importante incremento delle antibioticoresistenze, tanto che germi un tempo considerati “facili” rappresentano oggi, sempre più frequentemente, una vera e propria sfida per le nostre scelte terapeutiche. È il caso ad esempio dell’E. coli, sempre più spesso produttore di ESBL (beta-lattamasi a spettro esteso): in Italia la proporzione di ceppi di Enterobacteriaceae ESBL+ raggiunge livelli superiori al 30. Altre Enterobacteriaceae presentano resistenze anche più complesse: sempre più  spesso si assiste all’isolamento di ceppi di K. pneumoniae produttori di carbapenemasi, quali la KPC, che rendono il nostro armamentario farmacologico ristretto e spesso inadeguato, obbligando all’uso di nuovi/vecchi antibiotici, all’uso di associazioni sinergiche e a nuove strategie. Recentemente sono state introdotte delle significative novità in tema di terapia antibiotica contro i germi multiresistenti. Il problema assume quindi una dimensione ampia, di igiene pubblica, imponendo talvolta di adottare difficili misure di isolamento per situazioni che invece sono sempre più frequenti.

Tutto ciò, in gran parte, è stato causato dall’uso indiscriminato e irrazionale che si è fatto nel tempo degli antibiotici, ma è arrivato oggi il momento di ripensare seriamente ad un nuovo approccio alla gestione di terapie, non solo empiriche ma anche mirate (necessità di uno sforzo ad una approfondita lettura “fenotipica” dell’antibiogramma), che sono la conseguenza di ragionamenti effettivamente complessi ma ineludibili. Inoltre è da  qualche tempo disponibile la possibilità di fare il cosiddetto antibiogramma molecolare, ma il suo uso su larga scala al momento non è proponibile, e va chiarito come esso integri quello fenotipico tradizionale.

Tra gli aspetti più importanti al momento di impostare una “terapia empirica ragionata”, dovremmo quindi considerare come centrale il potenziale “impatto ecologico” delle nostre scelte, sia nei confronti dell’equilibrio microbiologico del singolo paziente sia di quello della comunità.

Stiamo vivendo una vera e propria rivoluzione in campo medico, e l’impressione è che fino ad ora troppo poco se ne sia percepita la reale importanza.

La Medicina Interna, attualmente, si trova a gestire la massima parte di queste problematiche.

Questo corso, ormai alla quinta edizione, ha lo scopo di sensibilizzare e formare l’Internista alle molteplici problematiche sopra espresse

Scarica il programma dell’evento

Nov
26
lun
L’insufficienza respiratoria acuta e suo trattamento con metodiche di ventilazione non invasiva in Medicina Interna @ Hotel "Comsopolitan"
Nov 26@8:30 am–Nov 27@5:30 pm

Esistono evidenze crescenti negli ultimi anni a favore dell’utilizzo della ventilazione meccanica non invasiva (NIMV) in corso di insufficienza respiratoria acuta (IRA) al di fuori delle terapie intensive e del dipartimento di emergenza. In alcune condizioni cliniche (acidosi respiratoria cronica riacutizzata in pazienti con insufficienza respiratoria acuta, insufficienza respiratoria acuta in corso di edema polmonare acuto cardiogeno) tali metodiche si sono rivelate sicure ed efficaci in termini di riduzione della mortalità e della necessità di intubazione oro tracheale anche quando applicate in reparti medici tradizionali provvisti o meno di “area critica”.

Scarca il programma dell’evento

Nov
27
mar
Workshop: BPCO experience @ Montespina Park Hotel
Nov 27 giorno intero

Più del 60% dei pazienti che accedono ai reparti di medicina interna risultano essere affetti da BPCO. Sono spesso pazienti con una storia di riacutizzazioni, sintomatici nonostante l’uso regolare di una terapia di mantenimento per la BPCO.

Il format è basato su una struttura che prevede tre fasi core: CONDIVISIONE del PROGETTO, IDENTIFICAZIONE dei REPARTI e infine ESPERIENZA SUL CAMPO (CAT). Si sviluppa attraverso due incontri (27 settembre e 27 novembre 2018) inframmezzati da un’indagine conoscitiva basata sulla somministrazione di un questionario CAT  a pazienti con BPCO sintomatica e frequenti riacutizzatori che accedono nel reparto di Medicina Interna (4‐5 pz arruolati per reparto)

Le finalità sono:

  • Favorire il corretto inquadramento e la gestione del paziente con BPCO.
  • Facilitare la discussione generativa e il confronto tra i ruoli sanitari coinvolti.
  • Focalizzare le strategie di miglioramento terapeutico.
  • Sviluppare, stimolare la creatività, il design thinking e la capacità di progettare al meglio un servizio di assistenza complesso, perché incentrato su risposte ai nuovi bisogni dei pazienti e dei loro familiari, e non esclusivamente sugli aspetti clinico‐terapeutici.
  • Fornire supporto al paziente riacutizzatore per monitorare e favorire l’aderenza alla terapia.

Il progetto proposto si basa su meccanismi di coinvolgimento per creare un clima partecipativo e collaborativo tra tutti i discenti, nell’area territoriale individuata, al fine di creare relazioni e scambi di esperienze e valutazioni trasversali più ampie.

L’obiettivo è anche quello di tenere unite tutte le individualità e stimolarne l’interesse, utilizzando una modalità dinamica di scambio di esperienze.

Scarica il programma dell’evento