La Giornata Nazionale FADOI-ANÍMO del FINE VITA ha ottenuto la Medaglia di Adesione del Presidente della Repubblica e il Patrocinio del Ministero della Salute.

Nel calendario i dettagli per gli eventi di ogni regione.

Apr
6
ven
XVII CONGRESSO REGIONALE FADOI LA MEDICINA INTERNA TRA CLINICA ED ETICA VIII CONGRESSO REGIONALE ANIMO 6/04/18 – GIORNATA NAZIONALE FADOI ANIMO PER IL FINE VITA 7/04/18 @ Ospedale di Palmanova
Apr 6@2:30 pm–Apr 7@1:45 pm

Il XVII Congresso Regionale FADOI – VIII Congresso Regionale ANIMO che si tiene il 6 e 7 aprile 2018 in Palmanova (Udine) presso la Sala Centrale della Direzione Generale dell’Ospedale di Palmanova (loc. Jalmicco) titola “LA MEDICINA INTERNA TRA CLINICA ED ETICA”.

E’ suddiviso in due sessioni che occupano il pomeriggio del venerdì e la mattina fino al primo pomeriggio del sabato.  Tale scelta è stata dettata dal fatto che FADOI Nazionale intende dedicare la giornata del 7 aprile alla problematica del “Fine Vita” in un contesto Nazionale. Non potevamo quindi far a meno dell’aspetto squisitamente clinico-internistico che almeno in una problematica così importante e incidente nell’attività dell’Internista quale appunto sono le infezioni.

La prima sessione dà modo alle realtà che formano FADOI-FVG e ANIMO-FVG di esprimere non solo le potenzialità e gli interessi di lavoro sulla problematica delle Infezioni in Medicina Interna ma permette di sottolineare buone pratiche in atto e suggerire soluzioni tecnico nuove comunque basate su solide evidenze scientifiche.

La scelta fondamentale di questo incontro è stata quella di coniugare esperienza e conoscenza di due ambiti decisamente diversi ovvero l’ambito clinico e l’ambito etico che in ogni modo si fondono nella unicità dell’individuo e delle sue reali esigenze.

Il Convegno si svolge tutto in sessione congiunta FADOI – ANIMO.  La sessione pomeridiana del venerdì è dedicata al tema delle infezioni in Medicina Interna con interventi che si articolano sulla epidemiologia delle infezioni, sul programma regionale delle sepsi dal rilievo al trattamento, sulle nuove terapie antibiotiche, per approdare poi alle interazioni con le comorbilità di cui diabete e coagulazione sono entità cliniche sempre più associate alle infezioni ed alle interazioni farmacologiche. La giornata sarà impreziosita dagli interventi della compagine infermieristica che riporta le problematiche di gestione e le soluzioni migliori affinchè si possa chiudere il cerchio in modo virtuoso.

La Giornata successiva si apre al mattino con la problematica della Medicina Interna ed il Fine Vita. Partendo da una valutazione generale si arriva a soluzioni diagnostico/ terapeutiche che soddisfano contemporaneamente esigenze cliniche, personali, gestionali di struttura e soprattutto etiche. Verranno pertanto prese in considerazione gli aspetti assistenziali delle persone anziane che decedono in ospedale, le cure palliative, la nutrizione e idratazione sia terapeutica che compassionevole, nonché le nuove disposizioni di legge entro le quali l’Internista e L’infermiere del reparto di Medicina Interna si devono muovere. A chiudere la giornata una tavola rotonda con visuali e opinioni a confronto alla fine della quale si riporterà il decalogo FADOI sul Fine Vita.

Scarica il programma dell’evento

Apr
7
sab
Giornata nazionale FADOI ANIMO per il fine vita – Emilia Romagna @ Aula Magna Palazzo Regione Emilia Romagna
Apr 7 giorno intero

La Giornata FADOI del Fine Vita ha lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali. Con l’aumento dell’età media e del numero di pazienti affetti da poli-patologie croniche ad andamento lentamente ingravescente, l’assistenza adeguata a tali pazienti rappresenta per l’organizzazione sanitaria una sfida ancora non vinta. Le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite. Tuttavia, se ancora tanto è da fare per un’assistenza adeguata dei pazienti con cronicità, ancor più deve essere fatto per il paziente terminale. La tendenza ad esorcizzare l’idea della morte, ci porta troppo spesso a considerare questa come un evento imprevisto o un effetto collaterale, invece che la naturale conclusione di una traiettoria nota e prevedibile. Da questa errata impostazione culturale possono facilmente derivare una serie di percorsi diagnostico-terapeutici inappropriati e del tutto inadeguati a soddisfare le reali esigenze di questi pazienti. L’iniziativa “Giornata FADOI per il Fine Vita”, per la quale abbiamo chiesto l’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica e per la quale vorremmo anche chiedere il Patrocinio del Ministero della Salute, ci porterà ad organizzare, il 7 aprile 2018, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Scarica il programma dell’evento

Giornata nazionale FADOI ANIMO per il fine vita – Liguria @ Centro Benedetto Acquarone
Apr 7 giorno intero

La Giornata FADOI del Fine Vita ha lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali. Con l’aumento dell’età media e del numero di pazienti affetti da poli-patologie croniche ad andamento lentamente ingravescente, l’assistenza adeguata a tali pazienti rappresenta per l’organizzazione sanitaria una sfida ancora non vinta. Le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite.

Tuttavia, se ancora tanto è da fare per un’assistenza adeguata dei pazienti con cronicità, ancor più deve essere fatto per il paziente terminale. La tendenza ad esorcizzare l’idea della morte, ci porta troppo spesso a considerare questa come un evento imprevisto o un effetto collaterale, invece che la naturale conclusione di una traiettoria nota e prevedibile. Da questa errata impostazione culturale possono facilmente derivare una serie di percorsi diagnostico-terapeutici inappropriati e del tutto inadeguati a soddisfare le reali esigenze di questi pazienti.

L’iniziativa “Giornata FADOI per il Fine Vita”, per la quale abbiamo chiesto l’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica e per la quale vorremmo anche chiedere il Patrocinio del Ministero della Salute, ci porterà ad organizzare, il 7 aprile 2018, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Scarica il programma dell’evento

Giornata nazionale FADOI ANIMO per il fine vita – Lombardia @ Ordine Dei Medici Della Provincia Di Pavia
Apr 7 giorno intero

La Giornata FADOI del Fine Vita ha lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali. Con l’aumento dell’età media e del numero di pazienti affetti da poli-patologie croniche ad andamento lentamente ingravescente, l’assistenza adeguata a tali pazienti rappresenta per l’organizzazione sanitaria una sfida ancora non vinta. Le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite.

Tuttavia, se ancora tanto è da fare per un’assistenza adeguata dei pazienti con cronicità, ancor più deve essere fatto per il paziente terminale. La tendenza ad esorcizzare l’idea della morte, ci porta troppo spesso a considerare questa come un evento imprevisto o un effetto collaterale, invece che la naturale conclusione di una traiettoria nota e prevedibile. Da questa errata impostazione culturale possono facilmente derivare una serie di percorsi diagnostico-terapeutici inappropriati e del tutto inadeguati a soddisfare le reali esigenze di questi pazienti.

L’iniziativa “Giornata FADOI per il Fine Vita”, per la quale abbiamo chiesto l’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica e per la quale vorremmo anche chiedere il Patrocinio del Ministero della Salute, ci porterà ad organizzare, il 7 aprile 2018, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata

Scarica il programma dell’evento

Giornata nazionale FADOI ANIMO per il fine vita – Piemonte e Valle d’Aosta @ NH Santo Stefano
Apr 7 giorno intero

La Giornata FADOI del Fine Vita ha lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali. Con l’aumento dell’età media e del numero di pazienti affetti da poli-patologie croniche ad andamento lentamente ingravescente, l’assistenza adeguata a tali pazienti rappresenta per l’organizzazione sanitaria una sfida ancora non vinta. Le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite. Tuttavia, se ancora tanto è da fare per un’assistenza adeguata dei pazienti con cronicità, ancor più deve essere fatto per il paziente terminale. La tendenza ad esorcizzare l’idea della morte, ci porta troppo spesso a considerare questa come un evento imprevisto o un effetto collaterale, invece che la naturale conclusione di una traiettoria nota e prevedibile. Da questa errata impostazione culturale possono facilmente derivare una serie di percorsi diagnostico-terapeutici inappropriati e del tutto inadeguati a soddisfare le reali esigenze di questi pazienti. L’iniziativa “Giornata FADOI per il Fine Vita”, per la quale abbiamo chiesto l’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica e per la quale vorremmo anche chiedere il Patrocinio del Ministero della Salute, ci porterà ad organizzare, il 7 aprile 2018, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Scarica il programma dell’evento

Giornata nazionale FADOI ANIMO per il fine vita – Sardegna @ Aula Arancio - Direzione Generale ASSL Cagliari
Apr 7 giorno intero

La Giornata FADOI del Fine Vita ha lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali. Con l’aumento dell’età media e del numero di pazienti affetti da poli-patologie croniche ad andamento lentamente ingravescente, l’assistenza adeguata a tali pazienti rappresenta per l’organizzazione sanitaria una sfida ancora non vinta. Le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite.

Tuttavia, se ancora tanto è da fare per un’assistenza adeguata dei pazienti con cronicità, ancor più deve essere fatto per il paziente terminale. La tendenza ad esorcizzare l’idea della morte, ci porta troppo spesso a considerare questa come un evento imprevisto o un effetto collaterale, invece che la naturale conclusione di una traiettoria nota e prevedibile. Da questa errata impostazione culturale possono facilmente derivare una serie di percorsi diagnostico-terapeutici inappropriati e del tutto inadeguati a soddisfare le reali esigenze di questi pazienti.

L’iniziativa “Giornata FADOI per il Fine Vita”, per la quale abbiamo chiesto l’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica e per la quale vorremmo anche chiedere il Patrocinio del Ministero della Salute, ci porterà ad organizzare, il 7 aprile 2018, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Scarica il programma dell’evento

Giornata nazionale FADOI ANIMO per il fine vita – Trentino Alto Adige @ Teatro dell’A.P.S.P. Benedetti
Apr 7 giorno intero

La Giornata FADOI del Fine Vita ha lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali. Con l’aumento dell’età media e del numero di pazienti affetti da poli-patologie croniche ad andamento lentamente ingravescente, l’assistenza adeguata a tali pazienti rappresenta per l’organizzazione sanitaria una sfida ancora non vinta. Le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite.

Tuttavia, se ancora tanto è da fare per un’assistenza adeguata dei pazienti con cronicità, ancor più deve essere fatto per il paziente terminale. La tendenza ad esorcizzare l’idea della morte, ci porta troppo spesso a considerare questa come un evento imprevisto o un effetto collaterale, invece che la naturale conclusione di una traiettoria nota e prevedibile. Da questa errata impostazione culturale possono facilmente derivare una serie di percorsi diagnostico-terapeutici inappropriati e del tutto inadeguati a soddisfare le reali esigenze di questi pazienti.

L’iniziativa “Giornata FADOI per il Fine Vita”, per la quale abbiamo chiesto l’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica e per la quale vorremmo anche chiedere il Patrocinio del Ministero della Salute, ci porterà ad organizzare, il 7 aprile 2018, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Scarica il programma dell’evento

 

Giornata nazionale FADOI ANIMO per il fine vita – Veneto @ Fondazione Opera Immacolata Concezione - O.N.L.U.S
Apr 7 giorno intero

La Giornata FADOI del Fine Vita ha lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali. Con l’aumento dell’età media e del numero di pazienti affetti da poli-patologie croniche ad andamento lentamente ingravescente, l’assistenza adeguata a tali pazienti rappresenta per l’organizzazione sanitaria una sfida ancora non vinta. Le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite.

Tuttavia, se ancora tanto è da fare per un’assistenza adeguata dei pazienti con cronicità, ancor più deve essere fatto per il paziente terminale. La tendenza ad esorcizzare l’idea della morte, ci porta troppo spesso a considerare questa come un evento imprevisto o un effetto collaterale, invece che la naturale conclusione di una traiettoria nota e prevedibile. Da questa errata impostazione culturale possono facilmente derivare una serie di percorsi diagnostico-terapeutici inappropriati e del tutto inadeguati a soddisfare le reali esigenze di questi pazienti.

L’iniziativa “Giornata FADOI per il Fine Vita”, per la quale abbiamo chiesto l’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica e per la quale vorremmo anche chiedere il Patrocinio del Ministero della Salute, ci porterà ad organizzare, il 7 aprile 2018, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Scarica il programma dell’evento

 

Giornata nazionale FADOI ANIMO per il fine vita – Basilicata @ Ordine Medici Potenza
Apr 7 giorno intero

La Giornata FADOI del Fine Vita ha lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali. Con l’aumento dell’età media e del numero di pazienti affetti da poli-patologie croniche ad andamento lentamente ingravescente, l’assistenza adeguata a tali pazienti rappresenta per l’organizzazione sanitaria una sfida ancora non vinta. Le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite.

Tuttavia, se ancora tanto è da fare per un’assistenza adeguata dei pazienti con cronicità, ancor più deve essere fatto per il paziente terminale. La tendenza ad esorcizzare l’idea della morte, ci porta troppo spesso a considerare questa come un evento imprevisto o un effetto collaterale, invece che la naturale conclusione di una traiettoria nota e prevedibile. Da questa errata impostazione culturale possono facilmente derivare una serie di percorsi diagnostico-terapeutici inappropriati e del tutto inadeguati a soddisfare le reali esigenze di questi pazienti.

L’iniziativa “Giornata FADOI per il Fine Vita”, per la quale abbiamo chiesto l’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica e per la quale vorremmo anche chiedere il Patrocinio del Ministero della Salute, ci porterà ad organizzare, il 7 aprile 2018, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Scarica il programma dell’evento

Giornata nazionale FADOI ANIMO per il fine vita – Lazio @ Sala del Commendatore Complesso Monumentale Ospedale Santo Spirito
Apr 7 giorno intero

La Giornata FADOI del Fine Vita ha lo scopo di approfondire il tema dell’assistenza ai pazienti terminali. Con l’aumento dell’età media e del numero di pazienti affetti da poli-patologie croniche ad andamento lentamente ingravescente, l’assistenza adeguata a tali pazienti rappresenta per l’organizzazione sanitaria una sfida ancora non vinta. Le modalità organizzative idonee a garantire una continuità assistenziale tra territorio, ospedale e strutture di post-acuzie e di hospice sono ancora lontane dall’essere non solo realizzate, ma anche definite.

Tuttavia, se ancora tanto è da fare per un’assistenza adeguata dei pazienti con cronicità, ancor più deve essere fatto per il paziente terminale. La tendenza ad esorcizzare l’idea della morte, ci porta troppo spesso a considerare questa come un evento imprevisto o un effetto collaterale, invece che la naturale conclusione di una traiettoria nota e prevedibile. Da questa errata impostazione culturale possono facilmente derivare una serie di percorsi diagnostico-terapeutici inappropriati e del tutto inadeguati a soddisfare le reali esigenze di questi pazienti.

L’iniziativa “Giornata FADOI per il Fine Vita”, per la quale abbiamo chiesto l’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica e per la quale vorremmo anche chiedere il Patrocinio del Ministero della Salute, ci porterà ad organizzare, il 7 aprile 2018, contemporaneamente in tutte le regioni italiane, convegni sul tema dell’assistenza al paziente terminale. In tali convegni, strutturati in maniera omogenea, verranno coinvolti medici di Medicina Interna e di discipline similari, ma anche esperti di bioetica, legislatori, amministratori e associazioni di pazienti e cittadini. Dalla discussione ed il confronto potremo trarre una serie di indicazioni utili per l’attività assistenziale quotidiana, ma anche per la realizzazione di un’organizzazione sanitaria più adeguata.

Scarica il programma dell’evento