PROGETTO | Ottimizzazione della gestione del paziente con scompenso cardiaco in medicina interna: dal ricovero al follow-up

248

BACKGROUND E OBIETTIVI

Lo scompenso cardiaco rappresenta già da ora la principale causa di ospedalizzazione e, nonostante i miglioramenti ottenuti nel management dei pazienti, la morbilità e la mortalità di questa sindrome superano quelle di molte neoplasie. Peraltro, l’invecchiamento della popolazione e l’aumento persistente dei fattori predisponenti (ipertensione, cardiopatia ischemica etc.) indicano che il numero di pazienti con scompenso cardiaco continuerà verosimilmente a crescere. 

Il ruolo degli specialisti che operano in Reparti di Medicina Interna è di particolare importanza, poiché a questi Reparti afferisce la maggioranza dei pazienti ricoverati con diagnosi di scompenso cardiaco. Lo scambio di informazioni e il coordinamento delle varie figure coinvolte è fondamentale per ottimizzare i risultati terapeutici ed utilizzare in modo razionale le risorse disponibili. Di fatto, molti pazienti non sono in grado di seguire un percorso diagnostico-terapeutico efficace ed agevole: ciò accade soprattutto poiché l’organizzazione del follow-up spesso risulta poco delineata e frammentata. In molti Ospedali mancano peraltro ambulatori specialistici dedicati a questa patologia, in grado di garantire il monitoraggio di questi pazienti e di ridurre il rischio di re-ospedalizzazioni. 

Il presente progetto, promosso da Novartis e al quale FADOI ha aderito, ha come obiettivo quello di meglio caratterizzare i percorsi organizzativi ad oggi esistenti e dedicati ai pazienti con scompenso, per individuare un “gold standard” da poter implementare nelle varie realtà ospedaliere e per una maggiore continuità assistenziale, anche alla luce della disponibilità di opzioni farmacologiche e non solo (esempio le tecnologie digitali), potenzialmente in grado di migliorare in maniera significativa gli esiti per i pazienti. 

Il progetto prevede in primo luogo la necessità di realizzare una fotografia real-life del management del paziente con scompenso cardiaco, ricoverato in reparti di Medicina Interna. Attraverso una indagine conoscitiva che coinvolgerà circa 35 Direttori di Reparti di Medicina Interna, verranno raccolti dati aggregati volti a profilare le caratteristiche generali dei pazienti afferenti con scompenso cardiaco e afferenti ai Reparti di Medicina Interna, descrivendo altresì il percorso diagnostico e terapeutico che ogni ospedale prevede per questi pazienti durante il ricovero, e gli indirizzi di gestione del post-dimissione.

I dati raccolti verranno analizzati e interpretati da un Board di Esperti, con l’obiettivo di sintetizzare lo status attuale della gestione del paziente con scompenso in Italia e proporre eventuali aree di miglioramento in termini di organizzazione sanitaria, e/o adozione di soluzioni strutturali o strumenti innovativi che permettano un più efficiente follow-up dei pazienti. Il progetto prevede un programma di sensibilizzazione dei Reparti partecipanti, e una successiva indagine per valutare eventuali cambiamenti organizzativi intervenuti e in linea o meno con le indicazioni di consenso individuate dal Board di Esperti.

I dati possono essere inseriti direttamente tramite il modulo raccolta su questa pagina.

NOTA: Per poter inviare correttamente i dati è necessario completare tutte le pagine e inviare il modulo alla fine.

Non è possibile il salvataggio incompleto o parziale dei dati.