Studio FALP

1203

La fibrillazione atriale (FA) costituisce la più comune forma di aritmia, ed in generale una patologia di notevole e crescente rilievo sia da un punto di vista clinico che socio-sanitario.

Questa aritmia è caratterizzata da una marcata irregolarità dell’attività elettrica degli atri, che determina la presenza di movimenti caotici ed inefficaci da punto di vista emodinamico e che si sostituiscono alle normali contrazioni atriali. Anche la risposta ventricolare risulta frequentemente alterata in presenza di FA. Da un punto di vista prognostico si valuta che la presenza di fibrillazione atriale si accompagni ad una mortalità almeno doppia rispetto ai soggetti in ritmo sinusale, in misura correlata alla severità della cardiopatia frequentemente associata alla fibrillazione atriale. In particolare, la FA si associa ad un aumentato rischio di stroke nell’ordine da 2 a 7 volte rispetto ai soggetti senza alterazione del ritmo.
Le informazioni sulla tipologia e la gestione dei pazienti con FA ricoverati in Medicina Interna sono molto limitate e obiettivo di questa esperienza pilota è stato quello di descrivere le caratteristiche cliniche e le modalità di gestione intra-ospedaliera (diagnosi-terapia) in una popolazione di pazienti con FA ricoverati in Medicina Interna.

FALP è uno studio osservazionale, retrospettivo, multicentrico, condotto in 19 Unità Operative di Medicina Interna delle regioni Piemonte e Liguria. Tale studio è stato promosso dal Centro Studi Fondazione  FADOI che ha curato altresì il coordinamento scientifico ed operativo dell’intero progetto avvalendosi della consulenza di un Board Scientifico multidisciplinare. Il centro coordinatore è l’UO di Medicina Interna dell’Ospedale Castelli di Verbania, diretto dal Dr. Roberto Frediani.
Per ciascun centro è stata fatta la registrazione dei dati relativi a 50 pazienti consecutivi ricoverati e per i quali fosse nota o fosse posta, al ricovero o durante la degenza, diagnosi di fibrillazione atriale. Ogni centro ha inoltre fornito il numero complessivo di pazienti ricoverati nell’Unità Operativa dai quali sono stati screenati i 50 registrati in CRF con diagnosi di FA, in modo da ottenere un dato percentuale di prevalenza. L’inizio della raccolta dati è avvenuto nel mese di Novembre 2009 e la conclusione della stessa nel Marzo 2010. I risultati preliminari dello studio sono stati presentati in occasione del XV Congresso Nazionale FADOI (16-19 maggio 2010).

Lo studio è stato pubblicato nella rivista Journal of Cardiovascular Medicine.

Campanini M, Frediani R, Artom A et al. Real-world management of atrial fibrillation in Internal Medicine units: the FADOI “FALP” observational study. Journal of Cardiovascular Medicine 2013;14:26-34