Studio DIAMOND

2443

La gestione del diabete di tipo 2 nei pazienti ricoverati in medicina interna

L’enorme diffusione epidemiologica del diabete di tipo 2 e il concetto che il raggiungimento di specifici target glicemici possano sostanzialmente ridurre la morbilità correlata a questa patologia, rendono il trattamento efficace dell’iperglicemia un obiettivo sanitario prioritario.
La letteratura scientifica è ricca di evidenze ed indicazioni riguardanti in particolare i pazienti ambulatoriali, mentre molto minori sono le informazioni sulla gestione dell’iperglicemia e più in generale del diabete mellito nei pazienti ospedalizzati, sia in ambito medico che chirurgico. Ad oggi rimane per esempio non ben definito il livello glicemico da perseguire nei pazienti ricoverati e in condizioni non critiche, considerando che le  principali raccomandazioni internazionali e nazionali disponibili prevedono target  glicemici più o meno rigidi.  Un ulteriore elemento di criticità è rappresentato dalle modalità con le quali viene condotta la gestione del paziente diabetico ospedalizzato, o per esempio, ancor più nello specifico, l’utilizzo delle diverse preparazioni di insulina.

In tale prospettiva la Società Scientifica FADOI ha promosso lo studio DIAMOND per meglio documentare, in un contesto di real-life, l’attuale attitudine nella gestione dei pazienti con diabete di tipo 2 noto e ricoverati in reparti di Medicina Interna. Si tratta di uno studio osservazionale multicentrico,  nel quale sono state coinvolte circa 53 U.O. di Medicina Interna. Il centro coordinatore è l’unità operativa di Medicina Interna dell’Ospedale Fatebenefratelli del Buonconsiglio di Napoli, diretta dal Dr. Andrea Fontanella. Il progetto si è avvalso, inoltre, della consulenza di un Board Scientifico comprendente alcuni fra i maggiori esperti italiani del settore.
Lo studio DIAMOND è stato condotto secondo il modello survey before and after programma educazionale e consta di 3 fasi; la FASE 1 ha come obiettivo quello di documentare l’attitudine nella gestione dei pazienti con DM2 e ricoverati in reparti di Medicina Interna. Nella FASE 2 è stato sviluppato un programma educazionale presso i centri partecipanti con contenuti definiti dal Board Scientifico sulla base delle linee guida e dei principali orientamenti in termini di standards of care, nonché dei riscontri ottenuti con la fase 1 di raccolta dati retrospettiva. La FASE 3, anch’essa osservazionale retrospettiva e speculare rispetto alla FASE I, ha avuto lo scopo di valutare gli effetti del programma educazionale. In Fase 1 e 3 sono stati registrati, per ciascun centro partecipante, i dati relativi agli ultimi 30 pazienti dimessi e con diagnosi nota di diabete di tipo 2.
Lo studio DIAMOND si è avvalso di un contributo di ricerca non condizionato messo a disposizione dall’Azienda NovoNordisk.

I risultati dello studio sono stati pubblicati in due riviste.

SCARICA L’ARTICOLO
Gulli G, Frasson S, Borzì V et al. Effectiveness of an educational intervention on the management of type 2 diabetic patients hospitalized in Internal Medicine:results from the FADOI-DIAMOND study. Acta Diabetol 2014; 51:765-770.

Borzì V, Frasson S, Gussoni G et al. Risk factors for Hypoglycemia in patients with type 2 diabetes, hospitalized in Internal medicine wards.Findings from the FADOI-DIAMOND Study. Diabetes Research and Clinical Practice May 2016;115:24-30