FADOI | Presentazione ufficiale dei risultati dello Studio CARAVAGGIO

1304

Cari Soci e Amici,

sia pure in un momento di grande difficoltà e preoccupazione per tutti, mi fa piacere e sono veramente orgoglioso di condividere con voi un importante momento di soddisfazione per la nostra Società, e cioè la presentazione ufficiale dei risultati dello studio Caravaggio.

Un grande risultato per la ricerca italiana e in particolare per FADOI.
La ricerca va avanti e deve andare avanti al meglio proprio nei momenti più difficili.
E’ una garanzia di crescita e rappresenta l’ottimismo della volontà.

Come sapete, abbiamo affrontato in questi ultimi anni una grossa sfida, in partnership scientifica con l’Università degli Studi di Perugia. Un esempio raro di studio indipendente internazionale, di ampie dimensioni, promosso e gestito dalla nostra Società Scientifica, che va ad affrontare un problema clinico complesso, quello del tromboembolismo venoso nel paziente neoplastico.

La presentazione dei risultati verrà effettuata dal Prof. Giancarlo Agnelli, Coordinatore dello studio, nell’ambito dell’importante Congresso Annuale dell’American College of Cardiology che quest’anno si svolgerà, per l’emergenza sanitaria, in modalità virtuale.

Invito tutti ad assistere alla relazione del Prof. Agnelli, prevista per le ore 17.45 ora locale di Domenica 29 Marzo.

Dovrete collegarvi almeno alcuni minuti prima, per registrarvi online, al link: https://accscientificsession.acc.org/

Mi auguro possiate essere in tanti ad assistere a quello che credo sia un evento straordinario nella ancor giovane storia della nostra Società, e che possa per noi segnare un presupposto di ulteriore crescita.

Per questo prezioso risultato desidero innanzitutto ringraziare Giancarlo Agnelli, l’anima dello studio Caravaggio, che ha portato avanti con forza e intelligenza, e con lui Cecilia Becattini, Mauro Campanini, Andrea Fontanella, Gualberto Gussoni e Giorgio Vescovo che hanno rappresentato FADOI e l’Italia in un prestigioso Steeering Committee internazionale che ha guidato lo studio, il Centro Studi FADOI che ne ha coordinato le attività insieme alla Società EXOM Group, e tutti i Colleghi dei circa 40 Centri FADOI italiani che con il loro impegno hanno significativamente contribuito all’arruolamento dei pazienti e allo svolgimento del progetto.

La difficoltà del momento non ci deve impedire di festeggiare questo successo e di guardare con soddisfazione al grande risultato che la ricerca e l’organizzazione FADOI hanno permesso di ottenere.

Grazie a tutti voi e buon lavoro

Dario Manfellotto

Presidente Nazionale FADOI

Andrea Fontanella

Presidente Fondazione FADOI