Vaccinazioni consigliate nelle Malattie Reumatiche Autoimmuni (D. Galasso)

1018

Scarica l’opinione dell’esperto: Vaccinazioni consigliate nelle Malattie Reumatiche Autoimmuni (D. Galasso)

Carissime Amiche e Amici della FADOI,

stavolta l’opinione dell’esperto ha un sapore romantico e speciale, perché ci viene regalata da un vero decano della FADOI. Past President della FADOI Calabria e da sempre un attivo sostenitore della Società, si tratta di Domenico Galasso, vero Signore Calabrese, Direttore Emerito di Medicina Interna dell’Ospedale Pugliese-Ciaccio di Catanzaro. Attenzione, quando dico decano parlo dei suoi anni di militanza in FADOI e non della sua anagrafe, perché il suo entusiasmo è sempre fresco e giovane, spesso molto più di tanti che pure hanno un minore carico anagrafico.

Il mio carissimo amico Mimmo (così come lo chiamiamo tutti noi) affronta un problema annoso e sempre dibattuto: “Vaccinazioni consigliate nelle Malattie Reumatiche Autoimmuni.” Bello vero?

Tutti ne siamo convinti: “la migliore terapia è la prevenzione”, e i vaccini rappresentano il miglior presidio profilattico, per combattere numerose patologie, costituendo così un fondamentale intervento di Sanità Pubblica, che deve proteggere sia l’individuo che la comunità. Nella precisa distinzione tra la vaccino-profilassi e la vaccino-terapia, egli sottolinea con forza come le vaccinazioni di profilassi abbiano permesso di ridurre in maniera estremamente rilevante sia il numero di patologie gravi che le complicanze d’organo, che la mortalità. Entrando nello specifico Mimmo rimarca come I pazienti con malattie reumatiche autoimmuni abbiano un aumentato rischio di contrarre infezioni, per diversi fattori, quali lo squilibrio nei meccanismi immunitari di difesa, la particolare labilità, dovuta alla presenza di un ‘locus minoris resistentiae’, l’uso di farmaci immunosoppressori. Tutto questo ha sempre creato nei medici una serie di timori riguardo la possibile inefficacia delle vaccinazioni e, peggio, la paura che uno stimolo del sistema immunitario possa riacutizzare la patologia autoimmune. Nella sua dotta trattazione Mimmo cerca di chiarire i nostri dubbi e di darci precise indicazioni sul loro corretto uso, specialmente la tempistica di somministrazione nei confronti dei farmaci immunosoppressori usati nella terapia di questi pazienti. Sottolineando con forza che nei pazienti con malattie autoimmuni è opportuno che i vaccini vengano somministrati sempre durante le fasi di remissione clinica.

Buona lettura, ne avrete da apprendere.

Andrea Fontanella

 

Scarica l’opinione dell’esperto: Vaccinazioni consigliate nelle Malattie Reumatiche Autoimmuni (D. Galasso)