Triplice terapia antitrombotica nel paziente con fibrillazione atriale non valvolare e cardiopatia ischemica: una scelta difficile

403

Care Amiche e cari Amici della FADOI,

Giuliano non sbaglia mai un colpo nella scelta dei suoi esperti ed anche stavolta ce ne ha selezionato uno di grande e riconosciuto valore.

D’altra parte, Giuliano ha, come tutti noi, la fortuna di essere circondato da amici e colleghi di grande saggezza e conoscenza e l’amico in questione è Claudio Pascale, Internista, già direttore per molti anni della Medicina Interna dell’Ospedale Cottolengo di Torino, ma anche specialista in cardiologia. Egli, quindi, svolge la sua attività prevalentemente sugli aspetti cardiovascolari della Medicina Interna (è stato anche coordinatore regionale della Società italiana dell’ipertensione Arteriosa-SIIA). Claudio non è nuovo per aggiorn@fadoi e nella rubrica “L’opinione dell’esperto” lo abbiamo già ospitato nel numero di novembre 2015 con una completa messa a punto del rapporto tra OSA e ipertensione.

L’esperto e saggio Claudio ha deciso di trattare l’argomento in maniera assolutamente pragmatica e didascalica, partendo dalla valutazione dell’importanza della duplice terapia antiaggregante nelle sindromi coronariche acute e/o PCI, per poi passare a menzionare i principali studi e il modo in cui le linee guida abbiano preso in considerazione l’impiego della duplice terapia antiaggregante nei pazienti già in terapia anticoagulante orale, valutando indicazioni e durata della triplice terapia antitrombotica. A completamento non poteva mancare una aggiornata valutazione di come l’utilizzo dei nuovi anticoagulanti orali abbia portato a una significativa evoluzione di tale terapia, recepita nelle raccomandazioni delle linee guida internazionali. Leggiamo quindi ed apprendiamo come ci si possa destreggiare saggiamente in questo stretto percorso tra rischi e benefici per attuare la scelta migliore per questi pazienti che sempre più frequentemente capitano nei nostri ambulatori e nelle nostre corsie ospedaliere.

Ancora grazie a Claudio per il suo prezioso apporto e un caro saluto a tutti voi Amiche e Amici della FADOI.

Andrea Fontanella

Questo contenuto è riservato ai soci FADOI

FAI LOGIN CON IL TUO NOME UTENTE (E-mail) E PASSWORD, INSERENDOLI NEL MODULO SOTTOSTANTE

 

Se non sei ancora socio FADOI, puoi richiedere l'iscrizione cliccando QUI